Menu Chiudi

Spagna, Grecia, Slovacchia, Francia, Italia e Germania si incontrano a Prizzi. Non è un G6 dell’Unione Europea ma qualcosa di molto più importante per noi. Abbiamo avuto il piacere di ospitare e supportare le attività dell’Associazione InformaGiovani. Un INCONTRO INFORMATIVO-FORMATIVO SUL VOLONTARIATO INTERNAZIONALE dal 3 al 5 maggio per fornire a giovani potenzialmente interessati, una formazione sul tema della cultura al volontariato e cittadinanza attiva, nonché strumenti utili per intraprendere un’esperienza di volontariato all’estero in modo consapevole. Un viaggio nello spazio e nel tempo per questi giovani, che sono entrati in contatto con uno dei tantissimi volti nascosti della Sicilia. Le prime ore a Prizzi sono state interessanti. Come pinguini a spasso nel deserto, i nostri ospiti cercavano di orientarsi e di comprendere con vivace curiosità ogni peculiarità del posto. Subito dopo le presentazioni e le sistemazioni nelle strutture ospitanti, i membri di InformaGiovani si sono messi subito a lavorare con i ragazzi presso l’associazione “Prizzi nel Cuore” che ha gentilmente messo a disposizione la propria sede per lo svolgimento delle attività nei tre giorni.

Al C.A.O.S. (Centro di Aggregazione e Ospitalità Sikanamente), non sono mancati momenti di aggregazione sociale e cooperazione fra noi e questi ragazzi. Oltre alle interazioni sociali, sono stati fondamentali dei momenti conoscitivi del territorio con Sikania Trek che ha accompagnato i nostri ospiti a scoprire la parte più antica del nostro piccolo borgo e a godere dello splendido panorama dal punto più alto del paese. Nei momenti conclusivi della domenica, i ragazzi hanno espresso un loro pensiero sul weekend dedicandoci splendide parole e ringraziamenti. In realtà siamo noi che vogliamo veramente ringraziarli, perché la loro presenza e il loro pensiero sono stati, per la nostra associazione, motivo di crescita sociale e culturale. Ci auguriamo che la fine di questa esperienza sia l’inizio di una cooperazione che possa, in futuro, coinvolgere e rendere attivamente partecipe anche la comunità prizzese.

Condividi o stampa l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *